Follow by Email

lunedì 12 novembre 2012

Bloccata, stupita...

... interdetta.
Non so come mai ma sono qui, inconcludente senza sapere come agire, senza dare prorità e senza prospettive.
Non riesco a pensare in modo costruttivo.
E' come quando succede qualcosa di grave, un incidente ad esempio, e ci si blocca per non fare cose peggiori. Come se ogni tipo di reazione potesse essere inficiante per quello che può venire dopo.
Come avere le vertigini.... e ci si accuccia per non sapere più che fare, per non cadere.
Indecisa?
Ma non mi appartiene l'indecisione, mi appartiene però il.... vuoto. Il senso di disagio che il "nulla" può dare. L'anticamera, per me, del panico.
Ora credo, sinceramente, che il panico possa essere ben lontano, ma so che la strada è questa.
Come uscirne?
Lo so io come sarebbe possibile uscirne, solo che non è fattibile per cui.... ogni giorno si spera che accada qualcosa per la strada della soluzione, ma la sfiducia è in underground....